Gli impianti CIP Qualtech crescono con le esigenze dei caseifici

Gli impianti di sanificazione CIP Qualtech crescono insieme ai bisogni dei caseifici

Sfida

  • Sviluppare impianti CIP (Clean in Place) convenienti per macchine casearie capaci di espandersi rapidamente per soddisfare la crescita dei clienti

Soluzioni

Risultati

  • Si integra facilmente con una vasta gamma di strumentazioni
  • Offre flessibilità ed espandibilità futura

La piattaforma di controllo scalabile Rockwell Automation aiuta l'OEM a fornire soluzioni efficienti e rispettose dell'ambiente

L'arte pressoché magica di trasformare il latte crudo in deliziosi formaggi vanta una tradizione secolare.Ma l'interesse odierno così intenso per i prodotti locali ed esclusivi non ha precedenti.Quando un produttore di formaggi a livello artigianale si affaccia sul mercato o incrementa la sua capacità per soddisfare la domanda, si trova ad affrontare numerose sfide legate alla produzione.

"Abbiamo supportato il movimento di valorizzazione dei formaggi artigianali per oltre un decennio", afferma Marie Giguère, direttore marketing di Qualtech."Le nostre soluzioni di produzione sono progettate per rispondere alle esigenze immediate dei piccoli e grandi produttori, aiutandoli a crescere in modo efficiente".

Di fatto, Qualtech ha implementato più di 150 espansioni di caseifici durante gli ultimi 20 anni.

Qualtech, con sede in Quebec, fornisce macchine in acciaio inossidabile, ingegneria di processo e implementazione di progetti chiavi in mano per un'ampia gamma di applicazioni farmaceutiche, alimentari e casearie.La vasta competenza dell'azienda nella tecnologia casearia riguarda l'intera linea di produzione, dal ricevimento del latte fino alla trasformazione del caglio e alla pressatura.

Qualtech fornisce inoltre impianti CIP (Clean in Place), considerati parte integrante della produzione casearia.Invece di smontare le macchine di processo per pulirle e sterilizzarle, gli impianti CIP (Clean in Place) prevedono la circolazione di acqua e soluzioni chimiche attraverso le macchine e le tubazioni.In genere, i caseifici mettono in funzione l'impianto di sanificazione CIP almeno una volta al giorno o dopo il completamento di un lotto di produzione.

Per evitare la contaminazione, ciascuno stabilimento di produzione deve disporre di almeno due impianti CIP (Clean in Place).Un sistema pulisce le macchine che trasportano il latte crudo, dal ricevimento al pastorizzatore.L'altro pulisce le macchine che lavorano il prodotto pastorizzato.Il sistema di pulizia del pastorizzatore è autonomo.

Un tipico impianto di sanificazione CIP include tre o quattro serbatoi per lo stoccaggio dell'acqua di lavaggio e delle soluzioni acide e alcaline usate per la pulizia.Le valvole pneumatiche rilasciano le soluzioni nel sistema in base alla sequenza di pulizia prescritta.

"A seconda dei requisiti richiesti dal cliente, possiamo usare diversi metodi per controllare la concentrazione chimica delle soluzioni e la durata di ciascuna fase di pulizia della sequenza", spiega Dominique Roberge, director of engineering, Qualtech.

Ad esempio, un impianto CIP relativamente semplice utilizzerà un processo di iniezione a tempo per gestire il dosaggio chimico.I sistemi più sofisticati includono strumentazione aggiuntiva e determinano il dosaggio proporzionale in base al flusso e alla conduttività effettiva.

"I sistemi più semplici sono frequentemente più efficienti e convenienti per i nostri produttori caseari più piccoli", afferma Giguère."Tuttavia, con la crescita, questi produttori si rendono spesso conto di dover migliorare la gestione delle risorse".

Durante la fase di ampliamento degli impianti, Qualtech aiuta i clienti a incrementare l'investimento iniziale adottando una tecnologia di misurazione più precisa per controllare al meglio il consumo di acqua e sostanze chimiche, nel rispetto della normativa ambientale.

"Forniamo anche impianti CIP (Clean in Place) che includono un serbatoio di recupero", aggiunge Roberge."Questi sistemi permettono ai produttori di recuperare le costose soluzioni chimiche usate nel processo di pulizia".

Il portafoglio CIP Qualtech scalabile si basa sull'altrettanto scalabile piattaforma di controllo e informazioni Rockwell Automation con controllori Allen-Bradley® CompactLogix™.I convertitori di frequenza PowerFlex® 525 Allen-Bradley assicurano un controllo a velocità variabile preciso e a efficienza energetica delle pompe dell'acqua del sistema, mentre i pannelli operatori PanelView™ Plus 6 Allen-Bradley consentono il monitoraggio locale.

Le valvole pneumatiche in tutto il sistema sono fornite da Festo Corporation, un product partner di Rockwell Automation Encompass™.

La soluzione è integrata su una rete EtherNet/IP™ e include switch Ethernet non gestiti Allen-Bradley Stratix 2000™.Ideali per piccole reti di controllo, gli switch Stratix 2000 consentono la facile integrazione dell'impianto di sanificazione CIP con le macchine casearie nell'intero impianto.

"Noi di Qualtech sappiamo che ogni dettaglio conta, dal progetto iniziale delle nostre macchine alla precisione della nostra strumentazione di misura, fino alla programmazione e al sistema di controllo", afferma Giguère."Siamo orgogliosi di fornire impianti CIP (Clean in Place) convenienti, efficienti e rispettosi dell'ambiente".

Ulteriori informazioni su come Rockwell Automation consente di migliorare le prestazioni dei costruttori di macchine.

Ultime Novita

Rockwell Automation e i propri partner offrono conoscenze eccezionali che vi aiuteranno a progettare, implementare e supportare il vostro investimento nell'automazione.

Iscrivetevi

La ultime novità in fatto di tecnologie e soluzioni Rockwell Automation.