L'automazione mina l'artigianalità della birra?

L'automazione mina l'artigianalità della birra?

”Scegli un lavoro che ami e non dovrai lavorare neppure un giorno in vita tua.”

Per coniare questa frase, Confucio deve aver conosciuto qualche birraio artigianale della sua epoca. In effetti, non è difficile amare questo lavoro che, grazie a un patrimonio unico di conoscenze, ai trucchi del mestiere e al piacere che si prova davanti al risultato finale, assomiglia più a una forma d'arte che a un processo di produzione.

Per molti, rimarrà sempre una passione e un passatempo a cui lavorare soprattutto manualmente, dal lotto pilota alla degustazione.

Altri, invece, vogliono andare oltre e trasformare questa passione in una vera e propria professione. Non è come lavorare in un ufficio ma è comunque un'impresa commerciale. E perché non farlo, visto che la domanda esiste e che il prodotto è apprezzato?

Arriva il momento in cui, senza nulla togliere all'aspetto artistico del processo, è necessario passare a strumenti più pratici per assicurare l'uniformità nel processo di produzione della birra e fare in modo che, ogni volta che un consumatore sceglie una particolare birra, viva la stessa esperienza che lo ha entusiasmato la prima volta.

Una grande birra è frutto di sapienza, intuizione e ispirazione a livello di formulazione della ricetta e selezione degli ingredienti.

Da quel momento in poi, si tratta di rendere il processo ripetibile, efficiente ed economicamente conveniente. Ed è qui che interviene l'automazione, offrendo ai produttori la possibilità di capire e documentare come ottenere una buona birra e ripetere, ripetere, ripetere.

In termini tecnici, attraverso un accurato controllo della sala cottura, l'automazione può rendere più efficiente ogni fase e aumentare il numero di cotte giornaliere. Avere il controllo della temperatura di fermentazione significa poter garantire la qualità e l'omogeneità dei lotti.

Disporre di apparecchiature all'avanguardia riduce la necessità di controllare manualmente il processo e dà nuovo impulso alla produttività. Inoltre, taglia i costi dell'energia e delle altre utenze.

Un misuratore automatico di pH, ad esempio, può rendere i processi di pulizia più economici e sostenibili indicando quando le apparecchiature sono pulite e senza sostanze chimiche.

Per i produttori che hanno deciso di gestire questa attività in modo professionale, l'automazione è il modo più semplice di aumentare la capacità e mantenere la qualità del prodotto senza investire in sistemi nuovi e costosi.

Anziché pensare a installare un impianto da 10 barili, è possibile automatizzare l'impianto esistente da 5 barili per produrre di più e in modo più omogeneo, risparmiando tempo e denaro.

Lavorando insieme ai produttori di birra sul sequenziamento e su una migliore gestione di apparecchiature e tempi, siamo riusciti ad aumentare la produzione anche del 50% senza necessità di investire in altri serbatoi.

E non vanno dimenticati i vantaggi che ci si aspetta, come consumatori, nel mondo digitale di oggi come, ad esempio, la possibilità di avviare e monitorare i processi di fermentazione attraverso un semplice smartphone.

Il sistema flessibile di gestione delle ricette permette di essere creativi, modificare le ricette esistenti e provare nuovi tipi di birra con poche e semplici procedure basate sulla tecnologia digitale.

Una quantità eccessiva di ossigeno può ridurre la durata di conservazione di una birra, tuttavia è possibile controllare la quantità di ossigeno durante il processo di riempimento delle lattine. E un sistema automatizzato può aiutare anche a ridurre l'impatto delle naturali variazioni annuali delle caratteristiche di luppolo e orzo.

La ragione per cui, negli anni '90, molti produttori di birra artigianale hanno chiuso è che, anche se facevano ottime birre, non erano in grado di mantenere nel tempo l'omogeneità dei loro prodotti.

Se l'automazione delle fabbriche di birra fosse stata accessibile come lo è ora, le cose sarebbero andate diversamente. E se volete portare l'attività al livello successivo, parlare con un fornitore di automazione potrebbe essere un'ottima idea.

Jamie Nelson
Pubblicato 4 Dicembre 2018 Da Jamie Nelson, Sales Manager, Columbus OH, Rockwell Automation
  • Contatto:

Blog

Tramite i blog, i nostri colleghi e altri esperti possono aggiornarvi sulle novità del settore e approfondire le tendenze più recenti in materia di tecnologie.